Home > Attività sul territorio > Didattica > Incontro sul tema "Arte, cultura, medicina. La Pace, come dea...
10/05/2018

Incontro sul tema "Arte, cultura, medicina. La Pace, come dea protettrice, e il suo Foro, come prezioso custode"

Veduta ricostruttiva del Foro della Pace (Archivio Ufficio Fori Imperiali)
Tipologia: Iniziativa didattica

Luogo: Fori Imperiali, appuntamento in Largo della Salara Vecchia (angolo via dei Fori Imperiali)

Una passeggiata nel Foro della Pace. A cura di Antonella Corsaro

Hashtag: #educaroma

Nel 71 d.C. l’imperatore Vespasiano, dopo la vittoriosa repressione della rivolta giudaica, decretò la costruzione di un santuario dedicato alle Pace, detto in antico “Tempio della Pace” (in latino: Templum Pacis) o “Foro della Pace”, costituito da una grande piazza con portici, la cui costruzione terminò nel 75 d.C.  Al centro del portico meridionale era l’aula di culto, affiancata da due grandi ambienti per lato.
 Il complesso entrò a far parte dei cinque Fori Imperiali, insieme al Foro di Cesare (46 a.C.), di Augusto (2 a.C.) di Nerva (97 d.C.) e di Traiano (112-113 d.C.). Si differenziava però profondamente da questi complessi per le sue funzioni. I Fori Imperiali erano, infatti, principalmente, luoghi di amministrazione della giustizia, oltre che sedi di biblioteche e archivi giuridici. Il Foro della Pace era invece caratterizzato, oltre che dal Tempio, dalla presenza di una ricca collezione di sculture e dipinti che, insieme ad una famosa biblioteca letteraria e scientifica (la Bibliotheca Pacis), ne faceva una sorta di grande “polo culturale”.
Antonella Corsaro, curatore Beni Culturali presso l’Ufficio Fori Imperiali, è autrice di diversi studi sul patrimonio archeologico e storico artistico di epoca romana dell’area dei Fori Imperiali. Si è occupata del Foro della Pace in occasione di due mostre allestite al Colosseo, una per il bimillenario della nascita dell’imperatore Vespasiano Divus Vespasianus e una sulle biblioteche antiche La Biblioteca Infinita.

Informazioni

Orario

Giovedì 10 maggio 2018
ore 16.00

Durata: circa 90 minuti

Le date degli appuntamenti potrebbero subire variazioni che saranno indicate sulle pagine web della Sovrintendenza e del Sistema Musei Civici e comunicate tramite e-mail.

Biglietto iniziativa

Incontri gratuiti con prenotazione obbligatoria.
Per prenotare telefonare al numero 060608 (tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00)
Numero di persone limitato a seconda dell'incontro.

È previsto il rilascio dell’attestato di formazione.

CREDITI FORMATIVI SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA
La partecipazione a cinque incontri, attestata, dà diritto agli studenti dei Corsi di: Studi storico-artistici (triennale); Storia dell’arte (magistrale); Storia, Antropologia, Religioni (triennale); Scienze storiche (Età moderna-Età contemporanea / magistrale), al riconoscimento di due crediti formativi universitari.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE
La partecipazione a sei incontri, attestata, dà diritto agli studenti dei Corsi di: Scienze dell’Architettura (triennale); Architettura-Progettazione architettonica (magistrale); Architettura-Progettazione urbana (magistrale); Architettura- Restauro (magistrale), al riconoscimento di due crediti formativi universitari.

ACCADEMIA DI BELLE ARTI
La partecipazione ad otto incontri, attestata, dà diritto agli studenti al riconoscimento di due crediti formativi.

Informazioni e prenotazioni

Tel. 060608 tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00

Prenotazione obbligatoria: max 30 persone

Organizzazione

Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali

Progetto a cura di Nicoletta Cardano

Il ciclo I luoghi della scienza a Roma. Collezioni e musei è ideato e curato da Federica Favino, Dipartimento di Storia, Culture, Religioni - Sapienza Università di Roma.
Il ciclo La città delle donne: fonti e narrazioni è ideato e curato dalla Società Italiana delle Storiche.
Collaborano alla realizzazione del programma i Volontari del Servizio Civile Nazionale, progetto della Sovrintendenza Capitolina “Educhiamo Insieme”.
Si ringrazia la Fondazione Primoli.

Attività correlate